In viaggio con Flowra

                                                                                                                                                     


Consigli da "viaggiatori seriali"
Mi rivolgo a voi che leggete più siti di voli low cost che quotidiani, popolo di organizzatori di valigie e compositori di itinerari: se anche voi dopo qualche mese di tranquillità e piccoli risparmi, iniziate a fare sogni ricorrenti di aerei e cartine, non preoccupatevi! Siamo in tanti e soprattutto non siamo soli!


TIPS & TRICKS


Nell’era di internet non possiamo farci cogliere impreparati. La prima cosa da fare è verificare la fattibilità del viaggio: occorre essere certi che la meta che vogliamo raggiungere sia adeguata al periodo che abbiamo a disposizione. Condizioni meteo quindi da tenere fortemente in considerazione, specialmente se si prevede una vacanza di mare ma allo stesso modo una città da visitare.


Parola d’ordine: Giocare d’anticipo


È buona cosa tenere monitorato il costo del viaggio, e se possibile prenotare molto prima della partenza. Così facendo non solo ci assicureremo un prezzo vantaggioso (i last minute non esistono quasi più, purtroppo), ma avremo già le idee chiare sulla meta per poter produrre un buon itinerario. Anche per quest’ultimo muoversi d’anticipo paga: se per esempio stiamo preparando una visita ad una città, potremo valutare l’acquisto di biglietti di mostre e attrazioni senza rischiare di trovare sold out. Pensate di trovarvi davanti alla Statua della Libertà, volete salire per godere dello spettacolo dello skyline… senza biglietto acquistato mesi prima? Impossibile!


Ok il prezzo è giusto!


Anche i viaggiatori più temerari a volte preferiscono ad affidarsi ad un’agenzia per la prenotazione di un viaggio. Se non ci si sente sicuri di quello che si fa, soprattutto per viaggi in zone particolari del mondo, è bene affidarsi a qualcuno di esperto. Un consiglio mi sento di darlo: solo a titolo informativo farei comunque un preventivo online (io utilizzo spesso il sito Expedia.it). Con una idea di prezzo sarà più facile non avere sorprese finali, e soprattutto non farsi “fregare”. Sappiamo bene che il servizio fornito da un’agenzia va pagato giustamente, ma è sempre bene sapere quando stiamo pagando il giusto o quando si stanno approfittando di noi.


Un viaggio organizzato


Non parlo di tour organizzati da operatori di viaggio, come accennato prima quello che ritengo necessario è avere un itinerario da seguire. Non perché io sia una maniaca del controllo, la tabella di marcia resta modificabile, ma è necessaria per evitare perdite di tempo e prevedere possibili contrattempi. Prevedere che ci sia una giornata di pioggia potrebbe farci concentrare le visite ai musei per esempio!


Guardaroba multitasking


Tra gli altri trucchetti del mestiere, ovviamente c’è la preparazione della valigia. Ovviamente non possiamo partire con l’intero guardaroba, ma con capi selezionati possiamo preparaci ad ogni evenienza. Per gli uomini è più facile, una camicia al posto della t-shirt e l’outfit cambia. Per le donne è necessario scegliere abiti che possano adattarsi a più situazione. I miei “mai senza” sono: leggings di cotone, comodi per viaggi ma portabilissimi anche la sera con il top/vestito adatto, scarpe comode per il giorno, sandaletto basso o stivaletto per la sera, sciarpine a volontà.


Perché ci piace tanto viaggiare?


Ovviamente non siamo tutti uguali, infatti ci sono molte persone che non amano stare lontano da casa nemmeno per brevi periodi. Io credo che per quelli come noi viaggiatori seriali, sia il modo migliore di evadere dalla quotidianità. Un viaggio permette di tornare a casa stanchi, con i piedi doloranti perché presi dall’entusiasmo abbiamo camminato per ore. Magari ci siamo trovati in situazioni poco piacevoli, in una stazione metro di notte senza parlare una parola della lingua locale, oppure con in naso all’insù ad ammirare l’immensità di un cielo diverso. Qualsiasi cosa ci sia capitata, per quanto “tragica” o comica ci sia sembrata la situazione sul momento: in ogni viaggio c’è la speranza di scoprire nuovi posti e situazioni, sconosciute culture e disavventure.


(Visited 74 times, 1 visits today)

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *